• Approfondimenti

I benefici per la salute del vino rosso, presto disponibili in una pillola!

Gli scienziati stanno lavorando su forme concentrate di resveratrolo, che sperano conferirà benefici del vino rosso, privo di inconvenienti per la salute.

Come ogni bevitore di vino razionale sa, i teorici benefici per la salute del vino rosso sono un’ottima scusa per ordinare un altro bicchiere… o due.

Questo ingrediente magico, il resveratrolo, è stato collegato a un minor rischio di diabete e malattie cardiache, ed è stato anche indicato come un fattore che permette di rallentare la progressione dell’ Alzheimer, secondo un recente studio del Georgetown University Medical Center.
E a livello aneddotico, un enologo di 107 anni, ha attribuito la sua lunga vita al fatto di bere quattro bottiglie piene ogni giorno.

Secondo il Wall Street Journal, anche se i benefici per la salute del resveratrolo sono stati dimostrati solo su esseri viventi come vermi, moscerini della frutta, topi e altri campioni di laboratorio, testare il beneficio per gli esseri umani è stata complesso, a causa dell’ estremamente bassa concentrazione di resveratrolo nel vino. Lo studio della Georgetown accennato in precedenza sostiene che occorrerebbe utilizzare una dose giornaliera di principio pari a 1.000 bottiglie di vino per un umano… non esattamente un apporto realistico quando l’alcol è coinvolto.

Tuttavia, gli scienziati sperano che concentrando l’ingrediente in quantità molto più elevate in forma di pillola, possano creare un farmaco che avrà un impatto positivo sulla salute, senza sbornia!
Anche se la GlaxoSmithKline PLC, che inizialmente ha iniziato a sviluppare la pillola nel 2010, ha fermato il progetto dopo che alcuni pazienti hanno sviluppato problemi renali, i ricercatori della University of New South Wales sperano di rilanciare il progetto con un dosaggio più moderato.
La squadra australiana ha ipotizzato che l’impatto sulla salute di resveratrolo va di pari passo con altri ingredienti del vino rosso, e stanno attualmente testando diverse combinazioni, nel tentativo di replicare i benefici della bevanda. Un’altra società, con sede in Florida, la Jupiter Orphan Therapeutics Inc., sta anche cercando di far “rivivere” le pillole con una nuova forma di resveratrolo sintetizzato.

Tuttavia, secondo alcuni tutto questo sforzo potrebbe essere inutile.
Un altro recente studio pubblicato sul Journal of American Medical Association ha riferito che “il resveratrolo antiossidante trovato nel vino rosso . . . non può essere associato con la longevità o l’incidenza di malattie cardiovascolari, il cancro e le infiammazioni.”
In forma di pillola o no, il resveratrolo potrebbe non essere così magico, dopo tutto. Ma, convenientemente, il vino rosso invecchiato, contiene un composto diverso che potrebbe aiutare a dimenticare questa possibilità.

Fonte: Food & Wine

Iscriviti alla
newletter
  • Questo campo serve per la convalida e dovrebbe essere lasciato inalterato.